38 TORINO FILM FEST_Poppy Field di Eugen Jebeleanu

Pin It

24 Novembre 2020

Più che un film una seduta psicanalitica!

Cocteau diceva che il cinema non dev'essere evasione, ma invasione. E qui, in questa potente pellicola rumena un cinema è stato davvero invaso, facendo capire come cultura e collettività, istituzioni e libertà individuale, non sempre viaggino di pari passo.

Mi sono innamorata di questa pellicola. L'ho vista 4 volte in tre giorni. Non ne capisco davvero i motivi profondi. Tenterò qui di rispondere a me stessa. Forse è l'intelligenza della struttura. Forse la forza delle camere, sempre addosso, su continui e bellissimi primi piani ai volti. Forse la bravura, l'eleganza, la naturalezza degli attori: mai visti dei ruoli, delle facce così azzeccate uno su tutti Conrad Mericoffer. Forse l'amore che emanano i due protagonisti nel fare un'ottima colazione a base di frittata di "onions" di domenica mattina. Forse il cameratismo, la simpatia, maschile che si sviluppa tra colleghi in una camionetta di Gendarmerie. Forse l'intensità dell'essere combattuti su due fronti: quello intimo privato e quello sociale, lavorativo. Il primo costellato da tenerezze e affetto. Il secondo, obbligato per ruolo - un poliziotto non deve chiedere mai - ad essere duro, tutto d'un pezzo, macho di fronte a tensioni sociali e problemi di ordine pubblico. In realtà il protagonista è scisso. E' una persona dolce, ma ha degli aspetti duri e non accetta del tutto se stesso, prevalentemente la sua fase gay che forse è nuova anche per lui. La potenza intellettuale, psicologica di questo film, avvolto su se stesso in una spirale concentrica che ti raccoglie e imprigiona è indubbia e va oltre ogni definizione. Come diceva Cocteau: "il cinema non è evasione, ma invasione. In Poppy Field è davvero e letteralmente il caso. Davvero un cinema è stato invaso. Si, da un gruppo di manifestanti rumeni, contrari alla proiezione di un film erotico gay.Basato su un fatto realmente accaduto nel 2016 in un cinema rumeno, questo geniale, giovane, regista mi racconta che si è ispirato a quest'evento nella stesura del fim con la collega sceneggiatrice, la quale era venuta a sapere dell'asssurdità di questa storia da un trafiletto in un giornale. "Essere gay in romania è davvero difficile. Ci sono stati scontri e tensioni molto forti e questo è il primo film su un argomento così presente e vivo" - racconta il regista. Gli chiedo se pensa che attraverso un'invasione di cultura - per usare le parole di Cocteau - si possa davvero riuscire grazie anche ad una pellicola a modificare il sentire collettivo? E umilmente mi risponde che si l'effetto di un'opera d'arte in generale che sia un libro, un film, un quadro, ha il potere di far scattare un click, una riflessione, un n'apertutra nelle ment delle persone e anche nel loro cuore. Proprio e meglio di una seduta psicanalitica.

 

GET SOCIAL
  • Facebook
  • Facebook
  • Facebook